Ahi Cupinoro!

12108952_10207585571418472_2872333957731300648_nIn questo articolo quelli di Bracciano Sparlafonte anonima ma conosciuta, parlano della Bracciano Ambiente.
Tema di grande attualità che merita la massima attenzione. Il pezzo è bello perché mette in risalto – a mio parere – il vero problema della municipalizzata e di Bracciano in generale, e cioè il fatto di non aver saputo o voluto costruire un progetto efficiente, valido e, soprattutto, competente. Il deficit di bilancio deriva dagli errori del passato. Errori possono che essere fatti anche oggi, per esempio, scagliandosi contro il bando di gara che invece potrebbe aprire le porte per una rinnovata attività a Cupinoro e una nuova occasione per la BA.
So che voi tutti, cari lettori e anche i due candidati Claudio Gentili e Armando Tondinelli, volete la chiusura, ma chiudere una cosa che è una ferita ancora aperta e che ha un enorme passivo di bilancio, senza un piano economico e industriale che permetta di trovare le risorse necessarie alla messa in sicurezza, rischia di essere l’ennesimo errore che accorcia la miccia di una mina che ha già cominciato a coinvolgere nella sua esplosione tutto: dal comune e fino all’Università Agraria.
La discarica di Cupinoro non è una semplice buca in cui buttare immondizia che ora va riempita.  E’ una attività industriale e come tale va trattata da tutti.
Non averla trattata come tale ha prodotto non solo danni economici ed ambientali, ma soprattutto ha avuto un grande ruolo nel creare sfiducia nei cittadini che vedono in quell’impianto solo una fonte di guai, non certo una opportunità come invece è e come ho provato a spiegare qui e qui.
Ecco un estratto dell’articolo che trovate a questo link : clicca qui

Quando si costituisce una società, nella mia esperienza, in primo luogo si fa il piano industriale e il business plan, che consente anche di stabilire quanta forza lavoro e di che tipo serve e si è in grado di sostenere. Quando si definisce il tipo di risorse che servono, si disegnano i “profili professionali” o di ruolo, se preferite, che servono a determinare le cose che queste persone dovranno fare e, di conseguenza, le competenze richieste a ciascuno di loro.

E’ evidente che tutto ciò non risulta essere avvenuto, soprattutto per i ruoli amministrativi, E QUESTO E’ IL VERO PROBLEMA, non la legittimità delle assunzioni, siamo certi che siano state fatte in modo legittimo ma è della storia d’italia avere istituti di assoluta civiltà che nel migliore dei casi vengono aggirati per mancanza di competenza e nel peggiore vengono travisati e usati strumentalmente per interessi diversi.

IL PROBLEMA E’, a mio personalissimo avviso, DI OPPORTUNITA’, se è vero che si vogliono tutelare gli interessi della cittadinanza, forse è il caso di ricordare che è interesse dei cittadini anche poter competere in modo trasparente per le occasioni di lavoro che il proprio comune è in grado di mettere in campo, ne conosco molti di ragazzi che all’epoca possedevano già competenze nettamente superiori a quelle delle persone poi assunte eppure sono stati costretti a cercarsi lavoro fuori, e questo non è uno spreco di risorse? non è una mancanza di trasparenza e di tutela degli interessi dei cittadini?”.

Post Scriptum: che poi sarebbe anche da chiedersi come mai a Bracciano non c’è un giornale che faccia emergere ste discussioni in maniera trasparente e tutto passi attraverso anonime pagine sui social

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...